Toscana

Passo della Calla - Prato Penna - Casentino

Meta: Passo della Calla

Tipo percorso: andata-ritorno

Percorso: Prato Penna - Poggio Scali - Passo della Calla

Lunghezza: 20 chilometri andata-ritorno

Dislivello: 750m andata-ritorno

Tempo percorrenza: 5 ore pause non comprese

Data: 14 luglio 2012

Traccia GPX: Poggio Scali

Cartina: Lucretili  - Navegna, Ed. Il Lupo, scala 1:25.000 (sentieri 341 - 342). 

Descrizione percorso

Il passeggio si snoda sulla cresta che divide la Toscana dall'Emilia Romagna e che unisce il passo della Calla (che collega Poppi in Toscana con Forlì in Emilia Romagna) a Prato penna, piacevole radura a mezz'ora di cammino sopra l'eremo di Camaldoli.

Il sentiero è ben segnato e non presenta particolari difficoltà, a parte la lunghezza tra andata e ritorno. Chiaramente si può anche farne metà per volta (da passo della Calla Poggio Scali è leggermente più vicino).

Si percorrono foreste e prati, si sfiorano riserve interali, il terreno muta continuamente, si vedono bei panorami sul Monte Falterona (dove sorge l'Arno) da una parte e sulla Romagna e l'Adriatico dall'altra.

 

Passo della Calla

 

 {gallery}gallerie/Poggio_Scali,column_quantity=2{/gallery}

 

 

Eremo di Camaldoli - Lama

Meta: Lama

Tipo percorso: anello

Percorso: Eremo di Camaldoli - Giochetto - Lama - Fangacci - Eremo di Camaldoli

Lunghezza: 17,1 Km

Dislivello: 1264m

Tempo percorrenza: 4 ore e 30 minuti pause comprese

Data: 29 dicembre 2012

Traccia GPX: Lama e variante

Cartina: Carta Escursionistica 1:25.000 - Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna - Edizione 2001

 

Descrizione percorso

Dall'Eremo di Camaldoli (AR) si possono fare più passeggiate.

Quella che va alla Lama è molto suggestiva, perché si snoda interamente nella foresta del Casentino a cavallo del crinale tra Toscana ed Emilia Romagna.

Dal piazzale dell'Eremo di Camaldoli si aggira la cinta dell'eremo sulla destra o sulla sinistra e si prende il sentiero che porta a Giochetto. Da qui si prende la sterrata che scende di fronte verso sinistra e percorrendola tutta in discesa si arriva al piano della Lama, dove si trova un rifugio, una casa della forestale e una piccola chiesetta.

Dalla Lama si può tornare indietro su e prendere il sentiero 226 sulla sinistra risalendo una stretta valle che porta fino a Fangacci o all'Aia del Guerrino (questi due luoghi sono distanti circa 300 metri sulal strada sterrata che dall'Eremo di Camaldoli arriva fino a Badia Prataglia). Oppure si può prendere un sentiero che, facendo un giro più largo e passando per monte Crocetta, arriva a Fangacci. Da qui si può prendere o la strada sterrata (in piano) o il sentiero che scavalla il piccolo poggio (salita di neanche 100 metri di dislivello) per giungere a Prato Penna. Qui c'è un'alternativa: il sentiero per  il bosco oppure prendere la sterrata che arriva fino a Giochetto e poi il percorso fatto all'inizio, e giungere finalmente all'eremo di Camaldoli.

Il paesaggio è molto suggestivo e con ampie vedute sulle valli e sulle cime. Dall'Aia del Guerrino si può salire in circa 20-25 minuti a Monte Penna da cui, quando la giornata è  limpida, si può godere di ampio panorama sulla cresta di confine e anche fino al mare Adriatico.

 

Lama 

 

 

Lama variante       

 

{gallery}gallerie/Lama,column_quantity=3{/gallery}